Archivi tag: Poesia

Vita

La vita è là fuori che sempre ci aspetta
All’avventura e in folli svolte che poi architetta,
Tuttavia dentro è bene mai dimenticare
D’ avere un luogo chiamato casa a cui ritornare.

Siate gentili, coraggiosi e ribelli,
Senza timori, rancori o futili pensieri
Abbandonate gli altrui e vecchi fardelli,
Per abbracciarvi stretti e viaggiare leggeri.

Cambiano gli occhi come cambia il paesaggio,
Si allarga il cuore ad ogni passaggio;
Si trasforma lo sguardo, il sorriso non mente:
un solo grazie non basta a tutto ciò che si sente.

(Dal mio 2018 in poesia, G.P.)

100410-red_001

Annunci

Lettera, poesia

 

Ho bisogno di te.
Ho bisogno di sentirmi amata
perchè che mi ami lo so, ma sei sicuro di avermelo fatto capire?
Ho bisogno di essere rassicurata.
Ho bisogno di conferme
su chi sono io e su chi sei tu, per non confondere la mia strada.
Ho bisogno di una tua parola.
Ho bisogno di sbagliare
perchè possa trovarti accanto a me, che ci siano lacrime o sorrisi fra noi.
Ho bisogno di essere ascoltata.
Ho bisogno di vederti ridere
perchè la tua serenità è inevitabilmente parte della mia.
Ho bisogno di sentirti dire “mi dispiace”.
Ho bisogno di te, papà.


Fragilità

.
La forza che difende il cuore dalle ferite
è la stessa che gli impedisce
di dilatarsi alla sua massima grandezza.
(“A Treasury of Kahlil Gibran”)
.
.
E’ meraviglioso come i poeti siano capaci di condensare i pensieri che tu hai liberi nella mente.
Di un grande poeta, quale è secondo me Gibran, troverai sempre la citazione che si addice al senso di ciò che ti porti dentro e che a volte è così difficile da esprimere a parole… Ma ci sono loro, che delle parole fanno navi con le quali solcano il mare dell’animo umano, e mille sono i porti nei quali attraccare, infiniti come gli sguardi che si possono gettare sulle cose, sulle persone, sulla vita e sul mondo.
La poesia per me ha un fascino e un potere straordinario, tanto ignorato eppure… tutti, sfido a dimostrarmi il contrario, abbiamo almeno una volta nella vita scritto, o almeno pensato di scrivere, una poesia. E quanta verità c’era in quelle parole che hai lasciato uscire, libere, un pò impacciate, ispirate magari da semplici letture scolastiche (ah, i compiti d’italiano al liceo…farli subito dopo pranzo mi faceva addormentare per una mezz’ora con la faccia sul libro! ^^) ma sincere e immediate, anche magari nella loro iniziale banalità.
Ma sto divagando. Mentre quello che volevo era solo condividere questa verità che Gibran è riuscito a rendere così bene in sole due righe: quanta fatica e quanta forza che si scatena per difendere la fragilità che ci portiamo dentro, al punto che finiamo per dimenticare da cosa ci stavamo proteggendo e quella difesa diventa parte di noi tanto profondamente da costringere il cuore a stringersi nello spazio angusto che gli concede la paura di ferire e di lasciarsi ferire.
Quanto poco indaghiamo le nostre vere capacità, la nostra vera forza, il nostro vero coraggio, la nostre vere paure… Le emozioni, delle quali diffidiamo (paura, rabbia, dolore, piacere e amore) in verità ci dicono chi siamo, ci appartengono e la fatica che facciamo per convincerci che “siamo superiori”, per non sentire ciò di cui sappiamo di non avere il controllo, sarebbe meglio impiegata se la usassimo per metterci (e restare!) davanti a domande più utili: perchè? perchè quella paura, quel dolore, quella rabbia o quel piacere in quella determinata situazione? cosa mi vuole raccontare di me di cui non mi sono reso conto razionalmente? quale nodo c’è che la mente ha elaborato che la “pancia” invece ancora non può accettare?
E la meraviglia nello scoprire che solo posta di fronte a tali domande la mente non si contorce, ma si libera! Ecco davanti a quel muro, ad un vicolo cieco aprirsi in basso accanto a me un passaggio, e un passo più in là addirittura una piazza dove potermi fermare. Ma questa volta a riposare, nessun arrovellarmi… semplicemente sentire, accogliere, capire, accettare… e, finalmente, vivere.

Apnea

A volte vorrei lasciare la presa e smettere di agire,
non fare più nulla per assecondare la realtà.
Come se fosse possibile smettere di respirare così sarebbe
voler vivere senza la fatica di lasciarsi toccare dal mondo e dagli altri.
Correre il rischio di ferire e lasciarsi ferire,
da parole, sguardi, carezze, grida, silenzi…

Il rischio di essere amati, la fatica di amare. Di vivere, di respirare.
Impossibile, eppure sempre più spesso preferiamo allenarcia vivere in apnea, invece di imparare a resistere al dolore di quel respirare,
senza il quale tuttavia non siamo più. Nulla.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: